Metro Shanghai Mappa

Metro Shanghai ed altri mezzi: come muoversi comodamente all’interno della città

Muoversi tra le infinite vie di Shanghai è un'esperienza emozionante, soprattutto perché in ogni angolo in cui arriverete scoprirete qualcosa di nuovo ed inaspettato. In questo articolo, oltre che a vedere la linea Metro di Shanghai, vedremo anche come arrivare dall'aeroporto al centro città ed analizzeremo anche tutti gli altri mezzi di trasporto che possono essere considerati per spostarsi tra le vie di Shanghai.

Metro Shanghai ed altri mezzi di trasporto

Come spostarsi dall’Aeroporto alla Città.

Al contrario di quello che ho fatto io, ovvero raggiungere Shanghai dopo aver prima visitato Pechino, molta gente potrebbe optare per l’arrivo diretto in questa megalopoli cinese. I due aeroporti principali sono Hongqiao e Pudong; proprio quest’ultimo è l’aeroporto internazionale, dove partono ed arrivano la maggior parte dei voli. Il transfer dall’aeroporto alla città è, a mio avviso, piuttosto semplice e scontato e sta in sole due alternative: il treno Maglev, che arriva alla stazione della metropolitana di Longyang road in solo 8 minuti viaggiando ad una velocità di 431 km/h; ed il taxi, per chi preferisce la comodità e l’arrivo diretto all’Hotel.

Qualora atterraste ad Honqqiao sarete ancora più avvantaggiati, in quanto l’aeroporto è esattamente adiacente alla stazione ferroviaria e collegata quindi con il centro città dalla Metro di Shanghai.

Arrivare a Shanghai da altre città

Qualora Shanghai rappresentasse un punto intermedio del vostro viaggio in Cina, immagino che dovrete raggiungerla in treno, per questo, per capire a che stazione arriverete e per valutare i vari orari, leggete attentamente il mio articolo

Mezzi di trasporto interni: Metro Shanghai ed altre alternative
I Taxi.

Seppur non ami usufruire dei taxi quando viaggio all’avventura, a Shanghai potrebbero rivelarsi decisamente utili. Il costo è infatti alquanto abbordabile e molte volte non è proprio così facile trovare hotel o luoghi che stiamo cercando. Di contro dobbiamo capire che gli autisti non spiaccicano una sola parola d’inglese e per di più i nomi dei posti come li conosciamo noi non coincidono al loro nome in cinese. Ciò vuol dire che non capiranno mai dove devono andare e dove vuoi andare tu. Consiglio: scrivete su un foglio il luogo di destinazione in cinese e fatelo leggere oppure in alternativa, se dovete arrivare ad un hotel o ad un museo e non sapete più come fare, chiamate la reception e fate parlare l’operatore / operatrice con l’autista. Vedrete che troverà un modo per farvi arrivare.

La Metro.

A Shanghai le linee sono ben 13 e collegano in maniera ideale tutto il centro e buona parte della periferia. Oltre ad essere pulita, la metro è anche sicura e puntuale, il mezzo ideale per spostarsi e per scoprire la città. E se non saprete quale linea prendere, affidatevi a Google Maps ed utilizzate gli stessi consigli che vi ho dato per utilizzare quest’app a Tokyo, leggete quindi il mio articolo TOKYO – USARE GOOGLE MAPS. Di seguito troverete comunque la cartina della metro, che fa sempre comodo avere con sé.

Clicca per ingrandire
I Bus.

Economici, puliti, a costo fisso e con la possibilità di conoscere la gente del posto. Purtroppo però tutte le indicazioni sono in cinese e come accennato in altre occasioni, sperare di trovare qualcuno che parli inglese è un’utopia. Certo, se vi aiutate con Google Maps anche in questo caso potrete farcela ed oltre a farcela avrete vissuto un’altra esperienza straordinaria. Se però non siete sicuri di voi stessi al 100%, non rischiate. Fate i turisti normali e vedrete che arriverete a destinazione anche con altri mezzi.

A piedi.

Sono sempre i miei preferiti. Purtroppo visto le grandi distanze da coprire non è sempre facile camminare e basta, ma dovremo unire i piedi ad altri mezzi. Daranno però grandi soddisfazioni. Non si sa mai che incontriate dei ragazzi cinesi, magari in viaggio anche loro, che vi chiedono di scattare una foto e dal nulla continuerete con loro a visitare la città. Ma questa è un’altra storia.

Nicolo Sorsoli

Una passione: quella dei viaggi zaino in spalla. Uno dei cosiddetti backpackers, sempre alla ricerca di nuove mete e nuove storie da raccontare, con la speranza di poter trasmettere ciò che vivo a tutte le persone che leggeranno quanto scrivo.

Vedi tutte le storie

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *