Viaggio a Jeju: Haenyeo Divers

Viaggio a Jeju: Nuova Meraviglia del Mondo Naturale

Se state programmando un viaggio in Corea del Sud, l’Isola di Jeju non può mancare per nessuna ragione al mondo!

Durante un viaggio, per lo meno per quanto mi riguarda, c’è sempre una zona che rimane impressa in maniera indelebile. Durante il mio itinerario in Corea del Sud, questa zona è stata l’Isola di Jeju! Abbiamo riflettuto a lungo se visitarla o meno, raggiungerla è semplicissimo, tuttavia avrebbe rubato parecchio tempo. Ed il tempo per noi era denaro in Corea.

Nonostante ciò, dopo averci riflettuto a lungo, abbiamo deciso di inserire nell’itinerario del nostro viaggio l’Isola di Jeju. E sapete il perché?

In questo articolo voglio raccontarvi perché dovrete assolutamente andare a Jeju, quando andare, dove dormire, come arrivare e come muoversi in loco e soprattutto, cosa fare e cosa vedere!

Viaggio a Jeju: perché andare?

Avete mai sentito parlare delle “Nuove sette Meraviglie del Mondo Naturali”? Qualora la risposta fosse no, vi invito a cercarle su Google. Una volta fatto, capirete perché dovrete assolutamente andare a Jeju!

Sì, l’Isola di Jeju è una delle Nuove Sette Meraviglie del Mondo Naturali! È un’isola vulcanica nel bel mezzo dell’oceano, molto distante dalla Penisola Coreana. Al suo interno si sviluppa un ecosistema unico, alcune sue spiagge sono nere come la pece, dovute ovviamente all’erosione dei crateri. Alcuni suoi crateri sono addirittura diventati laghetti e su altri è possibile fare escursioni indimenticabili. Lo sapevate?

Ma non c’è solo questo, a Jeju scoprirete una Corea del Sud completamente diversa da quella che avete visto sino ad ora. Una Corea provinciale, non troppo POP, dove le tradizioni sono ancora ben radicate. Un altro motivo per il quale visitare Jeju è quindi la sua popolazione.

Vogliamo parlare poi delle spiagge? Se siete in visita a Jeju d’estate o in primavera godrete di un clima mite perfetto per rilassarvi e tuffarsi in mare!

Viaggio a Jeju: come arrivare e come muoversi in loco?

Come avrete potuto comprendere, Jeju è un’Isola a sud della Penisola Coreana, distante dalla terraferma. Per questo motivo esistono solamente due modi per poterla raggiungere:

  • In AEREO. L’aeroporto dell’Isola di trova a Jeju City e considerato l’afflusso turistico è collegato in maniera egregia con numerosi altri aeroporti della Penisola. Le compagnie principali che la servono solo la Korean Air, la Jeju Air e la Busan Air. Ad ogni modo potete consultare Skyscanner per trovare l’offerta più vantaggiosa in base alle vostre esigenze.
  • In NAVE. Un altro mezzo molto interessante è la nave. Attraversare il Mar dell’Est sino al Porto di Jeju dev’essere un’esperienza davvero affascinante. Purtroppo però il viaggio è terribilmente lungo. Ovviamente questo dipende da dove partire, ça va sans dire. I traghetti per Jeju partono da Busan, Chujado, Wando, Mokpo e Usuyeong. Credo tuttavia che a parte Busan sarà difficile che vi troviate in altre città.

Per quanto riguarda la mobilità in loco, le scelte non sono molte:

  • TAXI. Per arrivare ovunque vogliate nel minor tempo possibile. Potrebbe essere una soluzione avvincente qualora abbiate poco tempo a disposizione.
  • PULLMAN. Ancora una volta il sistema di trasporto pubblico Coreano si supera! Un sistema capillare che collega ogni angolo dell’Isola! Onestamente non credo sia necessario starvi ad indicare quali linee compongono questo sistema, in quanto il tragitto varierebbe in base a dove soggiornate. Il modo più semplice, una volta atterrati è accendere Naver Map, inserire la vostra destinazione, metodo trasporto pubblico e l’app ti dirà che pullman o ce combinazione di pullman prendere, il costo e il tempo che ci impiegherete. Non solo, vi dirà anche tra quanto tempo è in arrivo il pullman. Che volete di più?

Viaggio a Jeju: in quale zona dell’Isola dormire?

Come in ogni altro viaggio, azzeccare il posto dove dormire può essere decisamente di vitale importanza. Non è affatto una cosa da poco. Seppur l’Isola di Jeju non sia grandissima, vanta un sistema di stradE ricco di curve e salite. Percorrerle quindi sarà decisamente lento.

Scegliere dove dormire varia inoltre molto da che tipologia di viaggio state facendo. Se vorrete passare qui del tempo in spiaggia, potrete dormire in qualsiasi parte dell’Isola sulla costa.

Volete rilassarvi? L’entroterra e la montagna sono sensazionali!

Se invece siete venuti a Jeju con l’idea di esplorarla, allora le scelte migliori sono Jeju-Si o Seogwipo.

Jeju-Si è la città principale dell’isola, a tratti bruttina se posso permettermi. Si trovano l’aeroporto, il porto e numerosi hotel. Dalla sua parte ha la comodità di trovarsi esattamente vicino a questi servizi.

Dal lato opposto dell’Isola troviamo invece Seogwipo, un’amabile cittadina di mare, di pescatori e di coltivatori di mandarini locali. E di Tè verde, dimenticavo. Per raggiungerla ci vorrà all’incirca 1 ora di bus dall’aeroporto, ma ne varrà la pena, fidatevi.

Quando andare sull’Isola di Jeju?

Tutti i Sudcoreani vanno a Jeju. E no, non è un modo di dire. La tratta Seoul – Jeju è la più trafficata al mondo! Ma non temete, non è così tutto l’anno ovviamente.

L’estate è sicuramente la stagione più gettonata: mare cristallino, entroterra ricco di biodiversità, trekking come se piovessero. È la stagione migliore, peccato che sia super affollata.

La primavera e l’autunno, come spesso accade, sono le stagioni migliori. Clima mite e meno gente.

L’inverno è gelido, nell’entroterra nevica, le giornate sono corte e il vento sferza che ti taglia la pelle. Però di turisti ce ne sono davvero pochi! Se volete stare tranquilli, questo è il periodo migliore.

Viaggio a Jeju: attività da fare e luoghi da non perdere!

Ho passato solo due giorni sull’Isola di Jeju e il meteo con me non è stato per nulla clemente. Me se sarebbero serviti almeno tre pieni per fare e vedere tutto quello che mi ero programmato. Ma va bene così. Siete curiosi di sapere cosa fare e cosa vedere? Per questo ovviamente c’è un articolo ad hoc.

Cosa vedere a Jeju: l’Isola Vulcanica Meraviglia del Mondo.

Nicolo Sorsoli

Una passione: quella dei viaggi zaino in spalla. Uno dei cosiddetti backpackers, sempre alla ricerca di nuove mete e nuove storie da raccontare, con la speranza di poter trasmettere ciò che vivo a tutte le persone che leggeranno quanto scrivo.

Vedi tutte le storie

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *