Come muoversi in Sudafrica, On the road

Come muoversi in Sudafrica

Capire come muoversi in Sudafrica, scegliere il mezzo più opportuno per spostarsi da una città all’altra, potrebbe essere un’impresa ardua. Come in ogni circostanza ed in ogni avventura, prima di partire, è giusto porsi una domanda: “Che genere di esperienza voglio vivere?”

Solitamente questa domanda non è mai sola, per quanto mi riguarda la accompagno a diverse considerazioni / riflessioni, come: “Preferisco vivere la nazione nella sua immensità e godermi da solo quante più esperienze possibili?” o “Preferisco viaggiare per conoscere altra gente?”; “Magari gente del posto?”. “E se fosse meglio vedere il paese lentamente dal finestrino di un treno?”.

Insomma, come avrete capito, per me, la scelta di come viaggiare all’interno di un paese ricopre un fattore fondamentale in ogni avventura che mi accingo a vivere! E capire come muoversi in Sudafrica, questa scelta, potrebbe rivelarsi fondamentale per l’esito del viaggio.

Vediamo quindi

Come muoversi in Sudafrica.

I pullman.

Il servizio pullman del Sudafrica è decisamente ben sviluppato e copre praticamente ogni città che vorrete visitare. Seppur negli altri viaggi lo abbia sempre considerato come un ottimo mezzo, in questo caso, a fronte di diversi fattori, mi sono sentito un po’ restio dal prenderlo in considerazione. Più avanti vi spiegherò il perché.

Le compagnie principali sono la GREYHOUND e la TRANSLUX e sono del resto considerate le migliori e le più sicure. Sui rispettivi siti web (che potrete raggiungere cliccando direttamente sul nome della compagnia) potrete cercare la tratta che più vi interessa. Altre compagnie da prendere in considerazione sono la CITY TO CITY (la più economica tra le compagnie e che collega anche città al di fuori del turismo di massa) e la INTERCAPE (che comprende treni notturni detti Sleepliner, in collegamento anche con la Namibia).

Punti a favore: i pullman vi permetteranno di attraversare il paese vedendo zone che diversamente vi sarebbe difficile scoprire, per di più seduti comodi sul vostro seggiolino, senza dover pensare a nulla se non a godervi il viaggio.

Punti a sfavore: purtroppo, considerata la grandezza del Sudafrica, un viaggio in pullman potrebbe rivelarsi tremendamente lungo, potrebbe non combaciare con gli orari che vi siete prefissati di rispettare con il vostro piano e, come se non bastasse, le compagnie migliori hanno prezzi da capogiro, secondo me completamente insensati per un viaggio in pullman. Ovviamente se comparati con i costi di altri mezzi di trasporto che vedremo qui di seguito.

Baz Bus.

Un mezzo di trasporto perfetto per i Backpapers e i viaggiatori solitari. BAZ BUS è un mezzo di trasporto alternativo che collega numerosi ostelli tra Johannesburg e Cape Town tramite mini-bus “privati”. Segue la rotta Northern Drakensberg, Mthata, Durban, Porth Elisabeth e Garden Route, una via di indubbio fascino.

Come funziona: il costo non è proprio economicissimo però permette di salire e scendere alle fermate intermedie sfruttando il servizio drop-on drop-off nei vari ostelli, è inoltre possibile acquistare biglietti “a tempo” che permettono di sfruttare il servizio quante volte si preferisca nel tempo prefissato. Sul loro sito web troverete informazioni super dettagliate riguardo ad orari ed una fantastica cartina dove potrete individuare in maniera molto semplice quali sono le città raggiunte da questo mezzo di trasporto.

I treni.

In prima battuta mi viene in mente una sola parola: “Magari!”. Sì, esattamente. Magari fosse un mezzo di trasporto da poter prendere in considerazione.

La linea ferroviaria sudafricana, sfortunatamente, non è adeguatamente sviluppata come dovrebbe e collega solamente la città principali più qualche altra stazione intermedia. Ovviamente, qualora nel vostro viaggio intendeste vedere solo queste, non è poi tanto male ma, considerato che i posti più affascinanti del paese sono proprio lontani dalle grandi città metropolitane, mi viene un po’ da dire: “Quindi a che serve?”.

La compagnia principale del paese è la SHOSHOLOZA MEYL, che garantisce collegamenti ferroviari regolari tra le maggiori città del paese. Potrete acquistare i biglietti online solamente affidandovi all’agenzia AFRICAN SUN TRAVEL. Qualora il vostro fosse il primo viaggio in Sudafrica, l’organizzazione degli spostamenti in treno risulterebbe complessa secondo me, in quanto in base ai luoghi che vorrete vedere potreste dover abbinare treno più spostamento in auto. Insomma, non proprio un gioco da ragazzi. Inoltre dovrete considerare che i treni per determinate destinazioni potrebbero esserci solamente una volta a settimana, massimo due. Quindi, considerati tutti questi fattori, le variabili diventerebbero infinite. I prezzi sono abbordabili, ma ne vale la pena se paragonati ad altri mezzi di trasporto? Ovviamente la risposta ce l’avete solamente voi, che sapete che genere di avventura volete vivere.

Qualora l’idea treno più auto vi stuzzicasse, scrivetemi che cercherò di darvi una mano, forte della mia esperienza.

Rimanendo inoltre sul tema treni, non potrei non menzionare i treni di lusso sfrenato, quali il Blue Train, il Premier Class e il Rovos Rail. Da segnalare inoltre lo Shongolo Express, lo JB Train Tours , l’Umgeni Steam Railway e l’Atlantic Rail.

Il BLUE TRAIN è forse il più famoso dei treni di lusso del Sudafrica e viaggia tra Pretoria e Cape Town in 27 ore; i prezzi per la sola andata sono di R17.000 / 19.000 (attorno ai EUR 1.000,00). Non proprio alla portata di tutti quindi.

Il PREMIER CLASS è l’offerta di lusso della Shosholoza Meyl, viaggia tra Johannesburg e Cape Town; l’offerta non è sicuramente paragonabile al Blue Train, ha però tariffe decisamente più vantaggiose che potrebbero permettere un po’ a chiunque di provare un viaggio del genere (costo attorno ai R 2800 = EUR 165,00).

Il ROVOS RAIL contende invece il titolo di treno più lussuoso del Sudafrica al Blue Train, le tratte servite sono Johannesburg – Cape Town, Pretoria – Durban, Pretoria Swakopmund (Namibia) e Pretoria – Victoria Falls (Zimbawe). Tratte quindi decisamente più impegnative.

I biglietti per queste tre tipologie di treno possono essere acquistati tramite l’agenzia NEW FUSION.

Le altre tipologie di treno indicate sono meno lussuose; lo SHONGOLO EXPRESS offre diversi tour in treno, dove si viaggia di notte e si scende di giorno; lo JB TRAIN TOURS offre anch’esso la possibilità di effettuare tour in treno; lo UMGENI STEAM RAILWAY è un affascinante treno a vapore che offre tour nello KwaZulu-Natal ed infine l’ATLANTIC RAIL è anch’esso un treno a vapore che copre l’area Cape Town – Simon’s Town – Winelands.

Gli aerei interni.

Diciamoci la verità, in una nazione vasta come il Sudafrica gli spostamenti in aereo rivestono un ruolo fondamentale. Ormai quasi ogni città vanta un proprio aeroporto, i costi di volo, tutto sommato, sono abbordabili se comparati con altri mezzi di trasporto dalla tempistica ben più lunga ed inoltre il servizio tutto sommato è abbastanza efficiente.

Fortunatamente inoltre, oltre alla South African Airways, ci sono numerose altre compagnie e questa concorrenza, ripeto, permette di tenere i prezzi su un range onesto. Sono inoltre presenti compagnie low cost, come la Kulula, la Mango, la Skywise e la FlySafair. Per i miei spostamenti (East London – Cape Town; Cape Town – Johannesburg) mi sono affidato in entrambi i casi alla FlySafair e mi sono trovato egregiamente.

Inutile dire che, seppur meno affascinante, lo spostamento in aereo a volte si rivela necessario e di fondamentale aiuto, soprattutto quando si vogliono vedere molti posti e si ha poco tempo.

Consiglio: consultate SkyScanner anche per le tratte interne, proseguite poi separatamente all'acquisto direttamente sul sito della compagnia più indicata per verificare che i prezzi coincidono.

L’automobile / moto a noleggio.

Libertà. Si, è questa la sensazione che proverete guidando un’automobile a noleggio lungo le infinite strade del Sudafrica. Spostarsi in auto in Sudafrica è sicuramente l’opzione migliore e, per assurdo, molte volte la più economica. Gli autonoleggi, presenti in maniera molto numerosa nel paese, offrono tariffe super abbordabili ed il costo della benzina è veramente basso se paragonato a quello italiano.

Inoltre, la possibilità di muovervi come meglio crederete, da un certo vantaggio sugli altri mezzi di trasporto, che per raggiungere determinati luoghi (remoti e non) richiedono un po’ di savoir faire e, da un certo punto in poi, diventano pure costosi.

Alcuni consigli però indispensabili se prenderete un’auto a noleggio:

1. La guida è sinistra, in pieno stile anglosassone.

Seppur all’inizio vi risulterà molto difficile gestire questo cambio, dopo qualche ora al volante comincerete già a sentirvi a vostro agio, non fatevi quindi scoraggiare da questo fattore;

2. Siate consapevoli delle vostre abilità di guidatori!

iNessuno vi chiede di essere dei “Vettel”, però siete in una nazione straniera, le persone hanno stili di guida che a volte potrebbero risultare diversi dai nostri, essere quindi “svegli” ed “abili” non guasta affatto;

3. Non noleggiate auto di piccola taglia!

Se vorrete percorrere lunghe distanze vi sconsiglio caldamente di noleggiare auto di piccola taglia; questo per alcuni motivi essenziali: a) le strade principali in Sudafrica sono ottime, ma appena usciti dai percorsi cittadini / autostrade la percentuale di strade sterrate aumenta esponenzialmente; b) fuori dai circuiti cittadini le strade asfaltate (soprattutto lungo la Wild Coast) hanno un numero SPAVENTOSO di buche! Ma non semplici buche, veri a propri CRATERI!; c) le distanze sono immani, prediligete viaggi più comodi;

4. Non sottovalutate le distanze!

E soprattutto sopravvalutatevi! Se in Italia 5 ore di auto vi possono sembrare confortevoli, in Sudafrica, in determinate zone, saranno un calvario. Quindi non programmate mai viaggi più lunghi di 4 / 5 ore.

Perché questi consigli? Ho percorso in auto, in Sudafrica, più di 3.000 km, da Johannesburg a East London, passando per il Drakensberg e la Wild Coast. Ed ancora, da Johannesburg sino ad uno dei punti più a nord del Kruger National Park e ritorno. Insomma, di strada ne ho fatta e di cose ne ho viste. Per quanto possa contare tutto questo, vi consiglio di considerare i punti sopra indicati.

Spero di non avervi intimorito; se potrete ascoltare i miei consigli, il viaggio in auto si rivelerà decisamente fantastico.

Dove noleggiare l'auto.

Probabilmente non dovrei nemmeno scriverlo, in quanto noleggiare un auto in Sudafrica è un gioco da ragazzi: potrete tranquillamente consultare Rentalcars.com che cercherà tra le offerte migliori di tutti glu autonoleggi, dividendo le auto in diversi segmenti. Per quello che ho visto propone effettivamente le tariffe migliori.

Da segnalare, qualora voleste noleggiare un PICK UP con o senza attrezzattura per campeggiare, o più in generale un mezzo 4x4, il noleggio BRITZ. Inutile dire che in questo caso i costi sono decisamente più alti.

In alternativa, sempre per mezzi 4x4 potete consultare l'autonoleggio BERG o il sito DRIVE SOUTH AFRICA.

 

In questo articolo avrei voluto scrivere anche come spostarsi all’interno delle città, ma considerato che è già troppo lungo, trovate queste indicazioni nell'articolo successivo.

Nicolo Sorsoli

Una passione: quella dei viaggi zaino in spalla. Uno dei cosiddetti backpackers, sempre alla ricerca di nuove mete e nuove storie da raccontare, con la speranza di poter trasmettere ciò che vivo a tutte le persone che leggeranno quanto scrivo.

Vedi tutte le storie

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *