Cosa vedere a Nara: Tempio Todaiji

Cosa vedere a Nara: magnifico daytrip da Kyoto!

Siete alla ricerca di un'altra perla del Giappone, lontana dal caos di Kyoto o Tokyo? Avete sentito parlare di Nara, ma non sapete cosa vedere a Nara? Siete giunti nel posto giusto! In questo articolo cercheremo di capire come organizzare una giornata in questa fantastica città!

Heijo, così si chiamava questa splendida città, conta numerosi tesori storici e alcuni tra i più antichi templi del Giappone. Nara ne fu infatti capitale, dal 710 al 784 d.C.. Questa posizione le permise di arricchirsi artisticamente ed essere considerata quest’oggi come la culla della cultura giapponese. Ovviamente, se vorrete saperne di più, vi invito a leggere l’ampio sezione dedicata da Wikipedia. Come avrete capito, un viaggio a Nara ne varrà sicuramente la pena.

Come arrivare a Nara: perfetto daytrip da Kyoto!

Raggiungere Nara è estremamente semplice e, come in altri casi, vi suggerisco di prendere in considerazione solamente il treno. La Stazione JR si trova veramente a ridosso del centro ed è facilmente raggiungibile da qualsiasi località. Per conoscere più accuramente i collegamenti, gli orari ed i treni, consultate come da consuetudine il sito web HyperDia .

Inoltre, qualora vi trovaste a Kyoto, avrete ancora una ragione in più per non perdervi Nara. Essa si trova infatti a poco meno di un'ora.

Una volta giunti alla stazione dei treni, vi saranno sufficienti 20 minuti di camminata tra le vie del centro città per raggiungere i principali punti d’interesse.

Cosa vedere a Nara!

Seppur piccola, in confronto a Tokyo o Kyoto, Nara vanta un'enormità di siti storici da visitare. E non solo. Anche il suo Parco ha un qualcosa fuori dall'ordinario.

Nelle prossime righe vi elencherò tutto quello che potrete ammirare in questa città, vorrei però dedicare una sezione singola proprio al Parco di Nara.

Il Parco di Nara è infatti famosa anche perché conta circa 1.300 cerbiatti, maschi e femmine, che convivono in maniera pacifica con i turisti che ogni giorno affollano la città. Secondo la tradizione Shintoista, infatti, questo animale rappresenta un messaggero degli dei, considerato quindi estremamente sacro.

Nel parco sarà inoltre possibile acquistare dei cracker in modo da potergli dare del cibo (trovata decisamente commerciale, più che religiosa, ormai).

Ma veniamo a noi. Una volta raggiunto il parco noterete come già vi troviate immersi da templi e santuari, numerosi e decisamente belli.

Il Parco di Nara

Il Parco di Nara è famoso per i suoi 1.300 cerbiatti, maschi e femmine, che convivono in maniera pacifica con i turisti che ogni giorno affollano la città. Secondo la tradizione Shintoista, infatti, questo animale rappresenta un messaggero degli dei, considerato quindi estremamente sacro. Nel parco sarà inoltre possibile acquistare dei cracker in modo da potergli dare del cibo (trovata decisamente commerciale, più che religiosa, ormai). Vi consiglio di camminare e concedervi qualche momento di relax, come ad esempio un pranzo al sacco, per condividere più momenti possibile in questa zona tanto surreale quanto magnifica.

Ma torniamo a noi. Dopo aver camminato dalla stazione sino al parco, sarete praticamente giunti al centro di tutto ciò che c'è da vedere (o se non tutto, almeno buona parte). Ecco cosa potremo ammirare a Nara:

Il Tempio Todaiji.

A mio avviso l’attrazione principale, con il suo Buddah di Bronzo alto ben 15 mt ed il Daibutsuden, che è la più grande struttura in legno presente al mondo, che rappresenta proprio la hall nella quale è custodita la statua. Al suo interno sono presente inoltre numerose altre statue;

 

I Giardini Isuien e Yoshinkien.

I classici giardini giapponesi, impossibili da non amare. Se volete rilassarvi questo è sicuramente il posto giusto;

 

Il Tempio Kofukuji.

Il complesso, appena costruito, contava un insieme di 150 edifici; oggi, sono pochi quelli rimasti, tra i quali spicca la Pagoda delle Cinque Storie, la seconda in Giappone per altezza. Troverete quest’area sul vostro cammino, poco dopo aver lasciato la stazione, sarà quindi sicuramente molto interessante;

 

Il Museo Nazionale.

Racchiude numerose statue e dipinti all’insegna della Religione Buddista (se proprio non sapete che fare, un salto è consigliato, ma non d’obbligo);

 

Il Santuario Kasuga Taisha.

Il rosso delle sue colonne, abbinato al verde delle natura, già basterebbe per renderlo meravigliosamente interessante, se poi aggiungiamo centinaia di lanterne in bronzo al suo interno, la visita diventa tassativa. È sicuramente il santuario più celebrato della città e l’atmosfera magica comincerete a percepirla già dai viali che portano agli edifici principali, grazie ad altre numerose lanterne in pietra che li costeggiano. C’è da sperare di non beccare la ressa, sennò purtroppo la magia andrà sicuramente scemando;

 

Il Parco.

Come detto, questo parco racchiude tutti gli edifici citati, ci tenevo comunque a menzionarlo nuovamente perché sarà interessante scoprirlo e camminare anche tra le vie meno affollate e non battute, accompagnati da cervi e cerbiatti;

I Templi Shin-Yakushiji e Gangoji e la Naramachi.

Se ancora non siete stanchi, potrete tranquillamente, sulla via del ritorno, fare una tappa ai due templi indicati, passando per la parte vecchia della città, che ha sicuramente il suo fascino.

Il centro storico di Nara non sarà grande come Kyoto o affollato come Tokyo, rappresenta tuttavia un’altra meravigliosa esperienza da vivere.

Cosa vedere a Nara: curiosità!

Se siete fortunati e vi trovate in Giappone il quarto sabato di Gennaio, potrete assistere al Wakakusa Yamayaki, festa durante la quale viene dato fuoco all’erba del monte Wakakusayama (nella parte est della città).

Sfortunatamente non ho avuto la possibilità di assistere a questo spettacolo, era comunque d’obbligo citarlo.

Nicolo Sorsoli

Una passione: quella dei viaggi zaino in spalla. Uno dei cosiddetti backpackers, sempre alla ricerca di nuove mete e nuove storie da raccontare, con la speranza di poter trasmettere ciò che vivo a tutte le persone che leggeranno quanto scrivo.

Vedi tutte le storie

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *